Diario Cucine popolari – pagina 32

Buon anno nuovo! a tutte e a tutti!
ma soprattutto grazie, grazie a coloro che hanno contribuito a questo fine anno pieno di solidarietà: da chi ci ha aiutato a chiudere i tortellini (a proposito trovate due bei video sui tortellini qui) a chi ci è venuto a trovare (nella foto qui sotto i sorrisi delle ragazze dell’Oratorio di Mariano Comense), a chi ha preparato il nostro libro “Buttami in pentola” e a chi lo ha comperato (è ancora disponibile approfittatene), a Coop alleanza 3.0 e alla Compagnia dei devastati per la speciale serata della “divina cucina” a noi dedicata e a tutte le altre e  gli altri amici e sostenitori che non riusciamo a riportare singolarmente.
Grazie anche alle nostre ospiti e ai nostri ospiti, che il 2020 porti speranza e successo!
Grazie di cuore, senza tutti voi le Cucine non potrebbero esistere, perché le Cucine popolari siamo tutti noi insieme!

Come avrete letto sulla stampaRadio Città del Capo ha dovuto sospendere le trasmissioni e dunque anche la trasmissione che ci aveva offerto gratuitamente con tanta generosità è sospesa: “Cucine Popolari, viaggio nella Bologna social food, curata, a titolo gratuito, da uno staff di Radio Città del Capo e delle Cucine Popolari insieme – in particolare dalla giornalista Roberta Cristofori  e dai giornalisti  Mario Gaiani, Aldo Balzanelli, Giampiero Moscato, con la collaborazione di tante altre volontarie e tanti altri volontari – non andrà quindi in onda il sabato alle ore 15, come da palinsesto. Siamo vicini  e solidali con Radio Città del Capo e vorremmo  che la cooperativa di cui la radio è parte e il suo editore fossero consapevoli dell’importanza di continuare a far vivere una voce che offre una informazione libera, autonoma, competente,  importante per tutta la città e per il network di cui è parte, Radio Popolare.

‘Buttami in pentola’ vi aspetta
Prima di lasciarvi alla lettura degli appuntamenti vogliamo ricordarvi che c’è ancora chi vi aspetta per un bellissimo – e utilissimo – regalo: il libro “Buttami in pentola, La cucina degli avanzi per trasformare le zucche in carrozze“, di Bruno Damini, editore Pendragon, libro che per 10 euro vi darà tantissimi suggerimenti per preparare ottimi piatti con ciò che vi è avanzato o con ciò che trovate in frigorifero. Le ricette, tutte molto interessanti, sono state preparate da cuoche e cuochi  di ristoranti e trattorie e da cuoche e cuochi delle Cucine Popolari. E’ stato sicuramente bel regalo di Natale (e ne abbiamo venduti tanti, circa 1500 copie) ma ne abbiamo ancora, vi invitiamo a comprarlo  perchè questo libro è un bellissimo regalo per tutto l’anno, da fare a chi vogliamo bene e anche a noi stessi.  “Buttami in pentola” potete trovarlo in tutte e tre le Cucine Popolari: al Battiferro, alla Saffi e all’Italicus.

Ultima cosa prima degli appuntamenti: ne le nostre storie, in fondo, non mancate di leggere la lettera di una mamma che ci ha fatto visita in questi giorni di festa insieme ad altri genitori di una scuola materna.

Appuntamenti 

– Lunedi 13 gennaio nostri ospiti e ospiti della Caritas pranzano al Diana
Saranno 40 (20 del Battiferro, 10 di Saffi, 10 di Italicus) le nostre e i nostri ospiti che pranzeranno lunedì 13 gennaio alle ore 12 nello storico e famoso ristorante Diana di Via Indipendenza. Con loro saranno altri 40 ospiti della Caritas, tutti serviti da autorità e personaggi cittadini, alla presenza anche di volontarie e volontari delle Cucine Popolari. Anche quest’anno, dunque, si rinnova questa ormai tradizionale iniziativa di solidarietà. Ringraziamo di cuore la proprietà del ristorante Diana, le autorità cittadine, i personaggi che saranno assieme a noi a servire gli ospiti.

– Le Cucine Popolari in prima serata su Rai 3
Sempre lunedì 13 gennaio ci sarà una interessante serata su Rai 3. Alle 20,20 andrà infatti in onda un programma dal titolo un po’ troppo pomposo, a nostro avviso, “I nostri eroi“, abbiamo avuto conferma dal regista che la prima puntata, quella vi lunedì prossimo, sarà dedicata proprio a noi delle Cucine Popolari.

– Partono gli approfondimenti per l’uso del defibrillatore nelle Cucine Popolari
Martedì 14 gennaio alle ore 18 alla Cucina Popolare del Battiferro (Via Battiferro 2) ci sarà il primo corso tenuto da operatori del 118 dell’Ausl di Bologna per insegnare ad usare il defibrillatore (ce ne hanno donati 4, uno per ogni Cucina Popolare e dunque uno al Battiferro, uno a Saffi, uno a Italicus e uno – quando sarà aperta – a Villa Paradiso)Il corso, della durata di un paio di ore,  è rivolto a  volontarie e volontari delle Cucine Popolari che  impareranno ad usare questo importantissimo strumento che può salvare la vita, usato in modo appropriato.   Corsi di approfondimento saranno poi organizzati anche nelle altre Cucine.

– Le sardine a un pranzo preparato dalle Cucine Popolari
Domenica 19 gennaio, in piazza VIII Agosto, Bentornati in mare aperto! la nuova manifestazione delle Sardine, dedicata all’Emilia-Romagna, alla sua cultura e al suo saper coniugare benessere e solidarietà, dialogo e ascolto. Una manifestazione “per dare un po’ di luce a questo periodo politico un po’ buio”.
Un gruppo (circa un centinaio) di partecipanti  alla manifestazione che arrivano anche da fuori città potranno mangiare alle 12 alla Parrocchia San Cristoforo (Via Nicolò dell’Arca 71) e al Fondo Comini (proprio di fronte alla Cucine  Popolare Battiferro) gli ottimi cibi preparati da volontarie e volontari delle Cucine Popolari. Sarà chiesto un contributo per il pranzo che andrà a finanziare le Cucine e il progetto di ripristino del campo da basket che si trova al Fondo Comini.

Qui l’Intervista a Mattia Santori fatta da èTv alle Cucine popolari, in cui presenta l’iniziativa insieme a Morgantini.

– “La ragazza ribelle”,  presentazione del libro a Saffi con la protagonista, l’autore e l’Anpi
Venerdì 24 gennaio alle ore 18 alla Cucina Popolare Saffi (Via Berti 2/8) ci sarà la presentazione del libro “La ragazza ribelle, Annunziata Verità”, Storia, amori, guerra di una sopravvissuta alla fucilazione fascista. Sarà presente la protagonista Annunziata Verità, partigiana sopravvissuta alla fucilazione, l’autore del libro Claudio Visani che dialogherà con  Mauria Bergonzini dell’Anpi Porto. Silvia Magi leggerà brani del libro. Seguirà una cena preparata da volontarie e volontari delle Cucine Popolari al prezzo di 20 euro. Il ricavato andrà a sostenere le Cucine Popolari.
Raccomandiamo la presenza se vi è possibile: non si può perdere l’occasione di conoscere una protagonista della resistenza che ha rischiato la sua vita per la libertà. Vi aspettiamo numerose e numerosi.

Diario di quanto è successo

Lunedì 16 dicembre, la divina cucina
Prima di ogni cosa: grazie. Grazie alla Coop Alleanza 3.0, grazie alla compagnia dei devastati, grazie al teatro Dehon. L’incasso dello spettacolo che si è tenuto il 16 dicembre, in un teatro pieno di gente, è stato interamente devoluto alle Cucine Popolari.
Qui e qui le foto della serata.

– Pranzo in Chiesa con il cardinale
Sabato 21 dicembre, alla Chiesa dei Servi
, in Strada Maggiore, alla presenza del nosgtro cardinale Matteo Zuppi, di frate Benito Fusco (dell’Eremo di Ronzano) ospiti delle Cucine Popolari, ospiti della Caritas e dell’Eremo hanno gustato un ottimo pranzo.

Per rivedere le foto del pranzo cliccate qui, tra i camerieri abbiamo visto, oltre Bonaga, anche Benni e Bergonzoni, notate qualcun altro?

– Il 23 dicembre al Battiferro i fiati della Banda Puccini (foto qui)

– Un bel Natale al Battiferro, a Saffi, al Pianeta con il grande pranzo preparato da Camst
il giorno di Natale, 25 dicembre, come da tradizione, in tante e tanti hanno potuto gustare un grande pranzo preparato da Camst. Le persone sono state tantissime e quindi Camst, Conad e Cucine Popolari assieme hanno deciso di decentrare i pranzi (tutti preparati da Camst) alla Cucina Popolare Battiferro (Via Battiferro 2), alla Cucina Popolare Saffi (Via Berti 2/8) e al Centro Commerciale di Via Larga,  il Pianeta (Conad). Gli ospiti delle Cucine, di Caritas, di Antoniano sono insieme a tante volontarie e volontari sono stati assieme e goduto di una piacevole compagnia. Grazie Camst.

– Studenti grandi e piccini, genitori, ospiti: tutti assieme a pranzo
Lunedì 30 dicembre alla Cucina Popolare Battiferro 50 studenti di scuola media superiore provenienti daComo 20 tra bimbi e genitori della scuola dell’infanzia Don Milani di Bologna sono stati a pranzo assieme ai nostri ospiti. In particolare, 25 studenti di Como sono stati, 2 per ogni tavolo, a pranzare assieme a nostri ospiti e 25 hanno servito a tavola. Bimbi e genitori si sono divisi tra servizio e pranzo.  Tutti insieme hanno goduto di momenti di convivialità e condivisione. Una gran bella giornata. Tra l’altro, un genitore ci ha lasciato una sua riflessione che potrete leggere nelle nostre storie tra qualche riga. (foto di Andrea)
Qui le foto fatte nell’occasione.

– Anno nuovo all’Italicus
Il 1° gennaio 2020 l’anno nuovo è stato inaugurato  all’Italicus (Via Sacco 14). Volontarie  e volontari delle Cucine Popolari hanno preparato il pranzo di apertura d’anno per le nostre ospiti e i nostri ospiti con gli immancabili tortellini in brodo!  Buon anno a tutte e a tutti noi.
Qui una bella carrellata di foto.

– 1° gennaio 2020
La camminata della pace 
con tante volontarie e volontari, amiche e amici delle Cucine.
Tante foto qui e qui.

Un presepio al Battiferro
Quest’anno la sede delle Cucine del Battiferro ha goduto della presenza di un presepio, il bellissimo e ispirato il presepio artistico di Carlo Solicelli. Trovate qui un servizio di èTv.

Le nostre storie
Il 30 dicembre, al Battiferro, sono venuti studenti liceali di Como ma anche bambini di Bologna della scuola dell’infanzia Don Milani. Non anticipiamo niente, leggete quello che scrive una mamma che è stata con noi in quella bella giornata.

Una mamma della scuola d’infanzia Don Milani di Bologna racconta la presenza al Battiferro
“Siamo famiglie ‘normali’ felici di avere sviluppato un bel senso di comunità all’interno della scuola materna dei nostri bimbi e delle nostre bimbe, le “Don Milani” in zona Barca, periferia di Bologna. E proprio con questo spirito di comunità abbiamo organizzato un ritrovo anche durante le tanto desiderate vacanze di Natale… Grazie al suggerimento di una famiglia, abbiamo trovato un luogo perfetto per evitare ristoranti presi d’assalto, dare un senso alle feste e contenuto a un incontro che chiuda al meglio l’anno: ritrovo ore 13 al Battiferro – altra periferia della nostra città – grazie alla disponibilità del mitico Roberto Morgantini (che in pochissimi di noi sanno è un “nostro” nonno ma in famiglia sono molto discreti a riguardo). Messaggi in chat: che bello! Le Cucine Popolari! Peccato, noi non possiamo, ma bellissima iniziativa! Scusa, mi dici meglio dove andiamo? Hai mai letto dell’iniziativa di Morgantini? Mense che accolgono chi ha bisogno in un clima di condivisione ed entusiasmo…
Giusto così – siamo tutti diversi ma ci uniamo nella direzione di comprendere che si tratta di una iniziativa bella e speciale e tale si è rivelata: i nostri bimbi felici di rincontrarsi dopo una settimana di vacanza, noi genitori rilassati e – per inciso – cibo proprio buono! Tortelli con crema di asparagi assaggiati anche da quei bimbi un po’ viziati che non vogliono vedere il verde nel piatto… e poi il secondo, la frutta, il panettone. Ma il cibo migliore è stato essere in un ambiente semplice e accogliente, vedere i sorrisi e la gentilezza dei volontari, scambiare due chiacchiere con quel vulcano che è il padrone di casa che poi immaginiamo che non gradirebbe essere chiamato così (in effetti, un campione di solidarietà mai si definirebbe “padrone”)  e quindi diciamo l’anima in carne e ossa delle Cucine. Ci chiediamo insieme se il nostro quartiere potesse avere uno spazio per aprire una nuova sede e sarebbe bello immaginare che tra qualche anno i nostri bimbi che oggi lì sono stati così bene potessero dare il loro contributo a questa iniziativa di grande solidarietà e apprezzare meglio i valori che stanno alla base di una iniziativa che mette al centro le persone offrendo loro un pasto in un luogo accogliente con una energia che ha unito tutti – bambini e bambine, volontari, ospiti. Insomma un insieme variegato di persone unite da buon cibo e da molto di più. Grazie a tutti e …. Auguriiiiiiii!!!”

Barbara, una mamma della Don Milani

Come contribuire alle Cucine popolari
– comperate il libro delle Cucine, “Buttami in pentola“, potete rivolgervi ad una delle nostre 3 cucine.
– diventate volontari, scrivete a info@civibo.it, lasciate numero di telefono e la zona di Bologna in cui abitate, vi metteremo in contatto con i referenti dei volontari;
– fate una donazione,
– organizzate una festa o un pranzo presso le Cucine, per una vostra associazione o di un gruppo di amici, per la pensione o per un compleanno, ogni occasione è buona. Sarà un modo per contribuire alle Cucine e anche un modo per presentarci ad amici e conoscenti;
– donate il 5×1000 alle Cucine popolari. E’ ancora tempo di dichiarazione dei redditi, basta indicare sul modelli 730 o Unico della dichiarazione dei redditi il codice fiscale di CIVIBO Onlus: 91372820372;

la redazione del
diario delle Cucine popolari
Demetrio Collina e Marta Fin

Ringraziamo per i contributi i fotografi, Andrea Fabbri Cossarini e Mariagrazia de Siena, e il disegnatore Ermanno Marco Mari.