Diario Cucine popolari – pagina 33

Tra le cose fatte, oltre ai pranzi solidali al Diana e al Circolo Benassi, un appuntamento che è diventato ormai una tradizione dell’inizio dell’anno, troverete anche la festa  che si è tenuta martedì 28 al Battiferro.

Tra gli appuntamenti vi segnaliamo la cena e concerto dal vivo del gruppo jazz Street Life Quintet che si terrà il 7 febbraio al Battiferro.
L’approfondimento di questa pagina della nostro diario è dedicato ad un altra iniziativa di solidarietà legata alle Cucine popolari: il Centro commerciale Pianeta ha deciso di installare delle ceste permanenti per la raccolta solidale di generi alimentari e di prima necessità da donare alle Cucine popolari. Ne parliamo direttamente con il direttore del centro Gianfranco Luce.

​Infine, in fondo  trovate un autoritratto di Ermanno Marco Mari in una situazione onirica.
Mari è l’autore della serie di chine “gli amici delle Cucine popolari” che pubblichiamo regolarmente in calce  e che solitamente ritraggono volontari e donatori delle Cucine, più o meno famosi. Abbiamo deciso questa volta di mettere un suo ritratto, se lo merita per la sensibilità e il gusto che mette a disposizione per abbellire queste pagine. Ne approfittiamo per dirvi che Mari è disponibile a fare ritratti su commissione.

Il 5 per mille a Civibo l’associazione che gestisce le Cucine Popolari
Ci siamo anche noi: sì invitiamo nostre socie, soci, amiche e amici a donare alle Cucine Popolari il 5 per mille quando andranno a fare la denuncia dei redditi,  basta scrivere il codice fiscale dell’associazione CIVIBO 91372820372 . Sappiamo che sarete numerosi e vi ringraziamo moltissimo fin da ora.

Appuntamenti

Le classi 5 C e 5 D della scuola primaria Acri al Battiferro
– martedì 4 febbraio alunne e alunni delle classi 5C e 5D della scuola primaria Acri di via Barbieri saranno  a pranzo al Battiferro. Saranno in 44, accompagnati dalle loro insegnanti Cristiana Franceschini e Michela Mastroianni. In parte saranno aiuto camerieri in sala, in parte mangeranno con gli ospiti e alcuni passeranno tra i tavoli con i doni preparati durante le festività natalizie con l’intento di far sorridere le ospiti e gli ospiti con un regalo.  Le classi seguono da tempo l’attività delle Cucine popolari in quanto una loro maestra è volontaria e porta in classe la sua esperienza che, finalmente, potranno toccare con mano vivendola direttamente. Care bambine, cari bambini e care maestre vi aspettiamo con emozione.

Serata di Jazz al Battiferro
– venerdì 7 febbraio, dalle ore 19:30, musica jazz dal vivo con il “Street Life Quintet” con Komelija Klim (voce), Nicola Bolognesi (sax), Stefano Cordoni (chitarra), Gigi Borrelli (basso), Gabriele Molinari (batteria).  Questa bella serata di musica sarà preceduta da una cena (15 euro) preparata da volontarie e volontari della Cucina Popolare Battiferro, come sempre il ricavato sarà devoluto alle Cucine Popolari. Un grande grazie a questi artisti così solidali con noi che regaleranno a chi vorrà partecipare (vi aspettiamo numerosi) una piacevolissima serata in musica. E’ gradita la prenotazione al 335 7456877.

Ceste permanenti al Pianeta per raccogliere alimenti e beni di prima necessità per le Cucine Popolari
A brevissimo, grazie alla sensibilità del Centro commerciale di Via Larga e in particolare del suo direttore Gianfranco Luce, ci saranno delle ceste nei pressi delle casse del Centro dove i clienti potranno lasciare in dono alimenti e beni di prima necessità alle Cucine Popolari che li useranno per cucinare e per distribuire ai propri ospiti. Chi fa la spesa a questo Centro potrà partecipare a questa importante occasione che sarà permanente, senza scadenza, come senza scadenza deve essere la solidarietà e l’accoglienza anche e soprattutto nei confronti di chi è più in difficoltà.

A breve i nuovi corsi  per imparare come ci si comporta in cucina
Alle Cucine Popolari si sta in cucina secondo le regole dell’Azienda Usl: a breve (la data non è ancora fissata) ci sarà un nuovo corso, tenuto da tecnici dell’Azienda Usl di Bologna, rivolto a volontarie e volontari per insegnare come si trattano gli alimenti, le materie prime, l’igiene personale, insomma le regole fondamentali. Al termine del corso viene rilasciato un attestato. Tutte le volontarie e i volontari che stanno in cucina devono obbligatoriamente avere questa certificazione, valida per tre anni, passati i quali il corso va ripetuto.

Cosa è successo

Le Cucine Popolari in prima serata su Rai 3
E’ stata seguita con tanto interesse la prima puntata di “I nuovi eroi” in onda  lunedì 13 gennaio su Rai 3, si calcola che sia stata vista da tre milioni di spettatori circa,. Protagonista di questa prima puntata sono stati Roberto Morgantini  e sua moglie Elvira Segreto: hanno parlato della loro storia, del matrimonio che ha permesso (grazie al denaro raccolto da parenti e amici come regalo di nozze, i due “conviventi” da 38 anni avevano chiesto questo come regalo) l’apertura della prima Cucina Popolare al Battiferro.
Per vedere la trasmissione clicca qui.

Sempre il 13 gennaio si è tenuto il tradizionale pranzo solidale offerto dal rinomato e storico ristorante Diana, arrivato alla sua decima edizione. A servire ai tavoli si sono susseguite varie personalità del mondo istituzionale e dello spettacolo: Patrizia Impresa prefetto di Bologna, Matteo Lepore assessore alla Cultura e allo Sport, Alessandro Bergonzoni artista teatrale, Gianni Morandi cantante, Stefano Bonaga filosofo, Walter Sabatini direttore dell’area tecnica Bologna Calcio, Danilo Masotti scrittore blogger, Andrea Segrè presidente CAAB.
Tante belle foto quiqui e qui,
Qui il servizio èTv dedicato al pranzo con Gianni Morandi, Borgonzoni, Bonaga, Lepore, Masotti, Segré

Gianni Morandi, dopo essere stato tra i volontari che hanno servito ai tavoli si è fermato a condividere convivialità canticchiando con gli stessi ospiti: qui e qui potete rivedere la cantata fatta al Diana.
Oltre a Morandi vogliamo ricordare Federico Icardi, cantautore, autore dell’inno dedicato alle Sardine “il mondo è uno senza confine”, che da anni partecipa ai pranzi solidali delle Cucine al Diana, ma non solo, portando la sua chitarra e la sua voglia di cantare.

Uso del defibrillatore nelle Cucine Popolari: al Battiferro si è tenuto il primo corso
Volontarie e volontari hanno partecipato  martedì 14 gennaio alla Cucina Popolare del Battiferro al primo corso corso tenuto da operatori del 118 dell’Ausl di Bologna per insegnare ad usare il defibrillatore (ce ne hanno donati 4, uno per ogni Cucina Popolare e dunque uno al Battiferro, uno a Saffi, uno a Italicus e uno – quando sarà aperta – a Villa Paradiso)Il defibrillatore può salvare la vita: è dunque importantissimo saperlo usare correttamente.  Corsi di apprendimento all’uso  saranno organizzati anche nelle altre Cucine.

Le sardine a pranzo il 19 preparato dalle Cucine Popolari
Domenica 19 gennaio, in piazza VIII Agosto, una marea di gente è ha partecipato a  Bentornati in mare aperto! la manifestazione delle Sardine, dedicata all’Emilia-Romagna, alla sua cultura e al suo saper coniugare benessere e solidarietà, dialogo e ascolto. In tante e tanti a mezzogiorno hanno mangiato alla
Parrocchia San Cristoforo  e al Fondo Comini gli ottimi cibi preparati da volontarie e volontari delle Cucine Popolari. I contributi sono andati alle Cucine e  al progetto di ripristino del campo da basket che si trova al Fondo Comini.

“La ragazza ribelle”,  presentazione e ottima cena alla Cucina Popolare Saffi
Tante persone hanno partecipato a una presentazione di un libro “La ragazza ribelle” scritto da Claudio Visani su una partigiana sopravvissuta alla fucilazione, Annunziata Verità.  Dopo la presentazione, a cui hanno  preso parte la protagonista, Maura Bergonzini dell’Anpi, Silvia Magi che ha letto brani del libro, e l’autore, c’è stata una grande cena, a cui hanno partecipato tutti i protagonisti dell’evento, una cinquantina di persone. L’ottimo cibo è stato preprato da volontarie e volontari delle Cucine Popolari a cui è stato devoluto l’intero ricavato.
Qui le foto della serata.

La Fondazione Pistoletto al Battiferro:  grande apprezzamento per l’esperienza delle Cucine
Venerdì 24 gennaio grande cena e grande entusiasmo alla Cucina Popolare del Battiferro: la Fondazione  Pistoletto – Cittadellarte, ha chiesto di poter cenare alla Cucina Popolare e i 50 intervenuti si sono dichiarati entusiasti della cena e dell’esperienza delle Cucine Popolari. La Fondazione Pistoletto – Cittadellarte mette assieme arte e vita, vi si ritrovano artisti, scienziati, attivisti, diplomatici, imprenditori e rappresentanti delle istituzioni che vedono nell’arte uno strumento di trasformazione sociale responsabile. Nella Fondazione convergono idee e progetti che coniugano creatività e imprenditorialità, formazione e produzione, ecologia e architettura, politica e spiritualità e si sviluppano in iniziative in tutto il Paese. La cena è stata preparata (portando anche le materie prime) da Patrizia Lorenzelli, una cuoca amica delle Cucine Popolari e da altre sue amiche, compresa anche la figlia Danitca del leggendario sindaco di Valparaiso Sergio Vuskovic. Un grande, grandissimo grazie a Patrizia (e alle sue amiche) che spesso ci aiuta facendoci gustare delizie, tra le quali i famosi testaroli. La cena è stata molto apprezzata e soprattutto è stata molto apprezzata la esperienza delle Cucine: è stato detto che bisogna farla conoscere in tutto il Paese, si sono offerti di farne un libro, insomma hanno apprezzato moltissimo e vogliono aiutarci a farci conoscere e vogliono collaborare in tanti modi con noi. Grazie di cuore a Michelangelo e a tutte e tutti coloro della fondazione che sono stati con noi.

Pranzo solidale all’Arci Benassi in ricordo di “Napoleone”
Ci sono state più di 200 persone al pranzo preparato da volontari di Arci Benassi  sabato 25 gennaio.  Noi delle Cucine Popolari abbiamo aiutato a servire a tavola le oltre duecento persone: ospiti delle tre Cucine Popolari Battiferro, Saffi, Italicus e  di Caritas. Bel pranzo alla presenza di Andrea MingardiLuciano Manzalini, dei Gemelli Ruggeri, i vignettisti Zap e Ida, il cantattore Gian Marco BastaMarilena Pillati, Matteo LeporeHey Joe e la presidente del quartiere Marzia Benassi, oltre a tutta la famiglia del compianto Ezio Neri, titolare della trattoria – ristorante pizzeria Napoleone che ogni anno, a gennaio, offriva un pranzo ai senza tetto. Nell’occasione Conad che ha donato borse con tanti prodotti alimentari agli ospiti.
E’ questo il modo in cui continua la tradizione del pranzo solidale inaugurata da Ezio Neri.
Grazie ai cuochi a tutti i volontari, al Circolo Benassi e al suo presidente, Simone Canè.
Tante foto qui.

Festa grande al Battiferro
Martedì 28 gennaiodue giorni dopo le elezioni regionali, c’è stata una grande festa liberatoria al Battiferro. Una marea di persone, centinaia, hanno cenato, in piedi, stretti come sardine, al Battiferro e di fronte al Fondo Comini, con pasta alle sarde preparata da volontarie e volontari delle Cucine Popolari e tanti altri cibi, portati da singoli e donati da ristoratori: il ristorante africano Adal di via Vasari, la trattoria Casa mia di via Saragozza, l’Associazione filippina Liwanang, il ristorante iraniano Pars di via Lianori, il ristorante indiano Taj Mahal di via San Felice.
Un grande grazie! L’atmosfera è stata proprio di festa, si percepiva il sollievo di tante e tanti. Come dire: si respira meglio. Sono stati con noi Giulia Trappoloni e Roberto Morotti (due dei 4 che hanno creato lo straordinario movimento delle sardine), il sindaco Merola e poi Lepore, Mumolo, Caserta, Zamboni, Pillati, Naldi, Ara, Macedonio, Enriques, Grandi, Bonaga… e vorremmo poter citare per nome e cognome le tantissime e i tantissimi che hanno partecipato, ma non è ovviamente possibile, basti dire che chi scrive ha rivisto persone che non vedeva da anni… insomma tante facce, tutte contro il populismo e la violenza, tutte a favore di solidarietà e di accoglienza. Viva.
Le foto della serata quiqui e qui.

Biblioteca de Amicis Anzola
VI informiamo Infine che il Comune di Anzola, attraverso la Biblioteca E. De Amicis e nella persona di Giovanni Albertini, sta donando libri alle Cucine popolari affinché i nostri ospiti abbiano la possibilità di leggere gratuitamente.
Un grazie agli amici di Anzola ed all’Associazione Ambientiamoci che, tramite lo Sportello Alimentare ed ai suoi volontari, ci dona pasta e prodotti freschi.

Le nostre storie

Ceste permanenti al Pianeta per le Cucine, abbiamo chiesto al direttore del centro commerciale Il Pianeta di Via Larga, Gianfranco Luce, di parlarci di questa importante e generosa offerta che il Centro ha fatto alle Cucine Popolari. Lasciamo la parola direttamente al suo racconto.

“Da tempo Il Centro commerciale Vialarga è attento alle esigenze del territorio, con una vocazione verso innumerevoli attività sociali, in collaborazione con le associazioni di volontariato che operano sul territorio per aiutare le categorie più deboli. L’amicizia con Cucine Popolari va avanti da tanti anni, soprattutto in occasione del pranzo di Natale, un evento che si ripete da 26 anni al Centro commerciale e dedicato alle persone sole.
Negli ultimi mesi ci siamo resi conto che c’era qualcosa in più che potevamo fare. Abbiamo organizzato dapprima una colletta alimentare di un giorno con CIVIBO  e visti gli ottimi risultati raggiunti (grazie alla generosità dei clienti donatori) abbiamo ideato un nuovo modo di donare con una raccolta permanente.
Attraverso ceste fisse posizionate davanti alle casse dell’ipermercato, andremo a raccogliere giorno dopo giorno, donazioni di alimenti e beni di prima necessità destinati agli assistiti dell’associazione Civibo, Cucine Popolari.
E’ una iniziativa che non ha precedenti nei centri commerciali, dove sino ad oggi sono state effettuate solo raccolte di beneficenza in singole giornate. Mentre quello che stiamo creando è una vera e propria banca del cibo unica nel suo genere, che auspichiamo possa diventare un esempio replicabile in altri centri commerciali. Determinate sarà la collaborazione dei volontari che gestiranno giorno dopo giorno il trasporto di quanto raccolto, non abbiamo dubbi invece sulla generosità che tanti clienti hanno sempre mostrato nei confronti dei meno fortunati. Viva Bologna capitale della generosità che non dimentica gli ultimi.”

Sì, è una iniziativa che non ha precedenti, siamo grati per questa dimostrazione concretissima di solidarietà, speriamo di riuscire a gestirla al meglio! Grazie

Come contribuire alle Cucine popolari
– comperate il libro delle Cucine, “Buttami in pentola”, potete rivolgervi ad una delle nostre 3 cucine.
– diventate volontari, scrivete a info@civibo.it, lasciate numero di telefono e la zona di Bologna in cui abitate, vi metteremo in contatto con i referenti dei volontari;
– fate una donazione
– organizzate una festa o un pranzo presso le Cucine, per una vostra associazione o di un gruppo di amici, per la pensione o per un compleanno, ogni occasione è buona. Sarà un modo per contribuire alle Cucine e anche un modo per presentarci ad amici e conoscenti;
– donate il 5×1000 alle Cucine popolari. E’ ancora tempo di dichiarazione dei redditi, basta indicare sul modelli 730 o Unico della dichiarazione dei redditi il codice fiscale di CIVIBO Onlus: 91372820372;

Scriveteci
Se avete domande, commenti o volete farci conoscere la storia che vi lega alle Cucine, scriveteci!
Basta rispondere a questa mail o scrivere all’indirizzo: info@civibo.it.

la redazione del
diario delle Cucine popolari
Demetrio Collina e Marta Fin

Ringraziamo per i contributi i fotografi, Andrea Fabbri Cossarini e Mariagrazia de Siena, e il disegnatore Ermanno Marco Mari.