Diario Cucine popolari – pagina 26

 E’ una partenza sprint per questo mese di ottobre, con ben tre appuntamenti concentrati il 3, poi l’apertura straordinaria del 4 ottobre, San Petronio, e altri ancora fino a metà mese. Poi torneremo a farci vivi…trovate tutti gli appuntamenti più in fondo, sotto il diario con la cronaca e le foto di quanto è successo.
Ma intanto lasciateci dire a tutte le nostre ospiti e ai nostri ospiti che venerdì 4 ottobre, festa del patrono italiano e del patrono bolognese, le due Cucine Popolari Italicus e Saffi saranno regolarmente aperte.
Poi vogliamo ringraziare le persone che donano – come, per citare solo gli ultimi, Federica Trenti e Michele Buzzoni -, che collaborano, che vengono a prestare la loro opera volontaria.
A proposito, cerchiamo ancora disponibilità per la raccolta alimentare di sabato 12 ottobre
nei punti vendita Coop Alleanza. A noi delle Cucine è stato assegnato il Centro Lame, chiediamo a chi puo’ di mettersi in contatto con Roberto (335 7456877). La raccolta alimentare è in favore
degli Empori Solidali Case Zanardi , Banco di Solidarietà Bologna, Cucine Popolari – Bologna Social Food e Antoniano onlus.
 

Ed ora  vi lasciamo alla lettura, che speriamo piacevole, di quanto è successo e di quanto abbiamo organizzato nei prossimi giorni.


Cosa è  successo

– il 17 settembre all’Osteria Romana della Festa dell’Unità Foto, sui è tenuta la cena Cena solidale per Casa del Popolo Battiferro, l’inizio della raccolta fondi per ristrutturare il Battiferro. Qui le foto della serata.

– Tanta gente e ottime lasagne alla cena di autofinanziamento di Villa Paradiso, sabato 21 settembre.
A novembre è previsto l’inizio dei lavori che doteranno Villa Paradiso di una cucina e a inizio 2020 l’apertura della Cucina popolare. I volontari, tra cui tanti delle Cucine, si stanno dando da fare per rilanciare in Centro sociale, con una nuova programmazione, riapertura e risistemazione di spazi e finestre.
Tante foto della cena qui, tante foto dell’incontro organizzativo che ha preceduto la cena qui

Tra le tante iniziative a Villa Paradiso vi segnaliamo la mostra fotografica “riaprite i vostri cassetti” curata da Andrea Fabbri Cossarini, uno dei due fotografi ufficiali di questo diario, a questo link trovate l’invito, la presentazione della mostra e un’anteprima delle bellissime foto. La mostra è dedicata, pensate, alla prima inaugurazione di Villa Paradiso nel 1983.
Insolvenzfest, avvocati e magistrati a cena con i nostri ospiti al Battiferro
– venerdì 20 settembre, alla Cucina Popolare del Battiferro, cena comune tra avvocati e magistrati e ospiti delle Cucine: 100 persone, una sessantina di donne e uomini del diritto e una quarantina di nostre e nostri ospiti hanno passato una piacevole serata gustando gli ottimi cibi preparati da volontarie e volontari delle Cucine. La cena è stata offerta da avvocati e magistrati che hanno così contribuito alla vita delle Cucine Popolari. Ma di non solo cibo vivono gli umani: prima di cena, infatti, un coro dell’Avvocatura  di Bologna ha cantato diversi bravi creando una atmosfera calda e partecipata.  Questa iniziativa è stata organizzata nell’ambito dell’8° edizione di  Insolvenzfest, i dialoghi pubblici per capire crisi debiti e diritti, Il tempo dei debiti.

Arriva anche il “biglietto sospeso” per il basket – iniziativa della Fortitudo
– giovedì 26 settembre la Cucina Popolare del Battiferro 
ha ospitato la Fortitudo che ha presentato alle ospiti e agli ospiti delle Cucine e ai numerosi giornalisti presenti  il progetto del “biglietto sospeso” per chi non puo’ permettersi l’acquisto di un biglietto per andare a vedere le partite di basket della squadra bolognese.


Hanno partecipato il presidente  Pavani, l’allenatore Martino e i giocatori Aradori e Mancinelli. Dopo il “caffè sospeso”, il “panino sospeso”, la “pizza sospesa”, il “biglietto per il teatro sospeso”, ora arriva anche il “biblietto sospeso” per il basket. Per tutte le gare della Fortitudo al PalaDozza di Bologna, verranno offerti biglietti omaggio per chi non si puo’ permettere l’acquisto del biglietto. “Dipenderà dalla generosità  dei tifosi”, ha detto il presidente Pavani. Chiunque potrà recarsi ai Fortitudo point in città per acquistare un tagliando per la gara da lasciare a disposizione degli appassionati che non hanno denaro per l’acquisto del biglietto. ” Siamo già d’accordo anche con la Virtus e col Bologna calcio per estendere l’iniziativa a tutto lo sport bolognese”, ha annunciato Roberto Morgantini. Questo il link a foto e articolo.

Pranzo tra gli alberi del bel giardino del Roncati
– sabato 28 settembre, nella nella cornice del giardino del Roncati (in via Sant’Isaia 90), ospiti delle Cucine Popolari, utenti dei Servizi di salute mentale, operatrici, operatori, dirigenti della salute mentale, volontarie e volontari delle Cucine, tutti assieme hanno gustato il pranzo preparato dalle volontarie e dai volontari della Cucina Popolare Saffi. Una bella atmosfera e anche l’occasione per proporre alla dirigenza della salute mentale dell’Azienda Usl (presente, tra gli altri, il direttore del Dipartimento di salute mentale Angelo Fioritti) un progetto per coinvolgere gli utenti dei Servizi nell’accudimento di un pezzo di città, ad esempio un pezzo di portico, una strada…

Le nostre storie
Mele e pere per tutte e per tutti

In questi giorni abbiamo avuto un altro regalo e vogliamo dedicare a questo il nostro piccolo approfondimento. Non tante parole, ma un grande grazie che  vogliamo arrivi a Federica Trenti e Michele Buzzoni dell’Azienda agricola di Calcara che ci hanno donato tante mele e tante pere, belle e buone, che gustiamo assieme alle ospiti e agli ospiti delle tre Cucine. Abbiamo raggiunto al telefono Federica, che ci ha raccontato con brevi parole come è entrata in contatto con noi. Lei e il marito Michele sono cognati del presidente del quartiere Navile Daniele Ara e attraverso di lui hanno saputo della nostra iniziativa e hanno fatto avere alle Cucine una parte del loro prodotto. Producono frutta, dice Federica, e da maggio a ottobre “se lo volete” – e noi lo vogliamo e  ringraziamo – “possiamo farvi avere ancora il nostro prodotto, magari un po’ maturo ma sano e buono”. Abbiamo invitato Federica e Michele a venire a trovarci al Battiferro o in una delle tre due Cucine: “ora facciamo fatica a spostarci, – dice Federica – ma vogliamo venire e troveremo il modo”. E noi li aspettiamo!

Gli appuntamenti

Libri in mensa: tre serate per imparare che non si ha sempre ragione!  Si inizia giovedì 3 ottobre alle 19,30 al Battiferro.
Si profilano serate interessanti alla Cucina Popolare del Battiferro: ospiti delle Cucine e manager di azienda ceneranno insieme e insieme discuteranno di temi legati allo sviluppo personale e alla gestione aziendale.


– Si parte giovedì 3 ottobre con 24 manager di azienda e 12 ospiti delle Cucine popolari. 
Questa particolare iniziativa è stata pensata e organizzata da Spell (società per elevare il livello del lavoro) e  Cucine popolari con la collaborazione di Aidp Manageritalia per mettere assieme mondi distanti che difficilmente avrebbero occasione di incontrarsi e per creare, anche in questo modo comunità, socialità… e consapevolezza. Si vuole, in altre parole, superare quello che viene definito “Bias di conferma”, cioè un processo mentale, del quale  siamo tutti un po’ vittime, che consiste nel selezionare le informazioni dando valore a quelle che confermano le nostre convinzioni e a sminuire quelle che le contraddicono.
La serata sarà aperta dalla presentazione del libro di Mats Alvesson e Andrè Spicer, Il paradosso della stupidità – Il potere e le trappole della stupidità nel mondo del lavoro, 2016, Raffaello Cortina editore.  Relatore Paolo Vergnani. Alle 20 ci sarà la cena, preparata dalle volontarie e dai volontari delle Cucine, durante la quale i partecipanti (ospiti delle Cucine e manager) saranno suddivisi in piccoli gruppi coordinati da un formatore per discutere su un tema che sarà loro assegnato.   Dopo la cena i gruppi si confronteranno in plenaria. La cena sarà offerta dai manager.
I successivi appuntamenti di “Libri in mensa”:

– giovedì 24 ottobre dove la cena sarà preceduta dalla presentazione del libro di Oliver Burkeman, La legge del contrario. Star bene con se stessi senza preoccuparsi della felicità, 2018, Mondadori. Relatore Daniele Scaglione;
– giovedì  14 novembre, infine, dove la cena sarà preceduta dalla presentazione del libro di Daniel Kahneman, Pensieri lenti e veloci, 2011, Mondadori. Relatore Nicola Grande.- giovedì 3 ottobre magistrati di Magistratura democratica, a Bologna per un convegno, saranno alla Cucina Popolare Saffi (via Berti) per gustare il pranzo assieme alle ospiti e agli ospiti della Cucina.

– sempre giovedì 3 ottobre (una giornata particolarmente densa …) saranno alla Cucina Popolare del Battiferro i segretari bolognesi di CGIL  Maurizio Lunghi, CISL  Danilo Francesconi, UIL Giuliano Zignani, per pranzare assieme alle ospiti e agli ospiti e per portare il contributo raccolto in occasione della iniziativa del 1° maggio.

– venerdì 4 ottobre è il giorno di San Francesco, patrono dell’Italia e di San Petronio, patrono di Bologna. Le mense delle Cucine Popolari Italicus e Saffi saranno aperte per i nostri ospiti.

– sempre venerdi 4 ottobre, la serata di Rai 1 propone nell’ambito di Tv7 un servizio sulle Cucine Popolari, servizio curato dal giornalista del Tg1 Amedeo Ricucci.

– venerdì 11 ottobre  alcuni di noi, a partire da Roberto Morgantini, saranno alla Casa del Popolo Bruno Tosarelli, in via Bentini, 20 dove ci sarà un reading spettacolo sul passato coloniale dell’Italia: “Memoria corta. Il passato coloniale dell’Italia e la sua rimozione”, nell’ambito di “La notte rossa 2019. Popoli e diritti”. Ne abbiamo discusso assieme alla Cucina Popolare del Battiferro davanti a un piatto di tagliatelle e, come ci ricorda Donatella Allegro, si tratta di un appuntamento importante perchè “tra le tante ombre della nostra storia, ce n’è una lunga un secolo, che pochi hanno tentato di indagare: il colonialismo italiano e i suoi crimini in Libia, Eritrea. Somalia, Etiopia. Oggi più che mai, davanti ai movimenti migratori da questi (e altri paesi) è indispensabile recuperare la memoria rimossa dell’occupazione coloniale italiana”.

– sabato 12 ottobre è la giornata della raccolta alimentare. Volontarie e volontari delle Cucine Popolari saranno alla Ipercoop del Centro Lame per raccogliere da chi lo vorrà alimenti e … C’è bisogno di volontarie e volontari, Per aderire basta compilare il modulo on-line al seguente indirizzo http://bit.ly/2lSTAqZ Vi aspettiamo numerosi!! sia per donare che .. per aiutare.

– domenica 13 ottobre tutti in Piazza della pace  per la manifestazione Volo anch’io… insieme agli altri, dalle ore 11 alle ore 18. La manifestazione è organizzata dal Comune di Bologna ed ha l’adesione di tante associazioni, tra queste anche le Cucine Popolari.
Come contribuire alle Cucine popolari
– potete diventare volontari. Scrivete a bolognasocialfood@civibo.it, vi metteremo in contatto con i referenti dei volontari;
– potete organizzare una festa o un pranzo presso le Cucine, per una vostra associazione o di un gruppo di amici, per la pensione o per un compleanno, ogni occasione è buona. Sarà un modo per contribuire alle Cucine e anche un modo per presentarci ad amici e conoscenti;
– potete donare il 5×1000 alle Cucine popolari. E’ ancora tempo di dichiarazione dei redditi, basta indicare sul modelli 730 o Unico della dichiarazione dei redditi il codice fiscale di CIVIBO Onlus: 91372820372;

Iscrizioni al diario delle Cucine popolari
Se avete ricevuto questa mail per errore o comunque non volete più riceverla, potete cancellare l’iscrizione qui sotto cliccando unsubscribe.
Se invece volete far conoscere le Cucine agli amici e ai parenti, inoltrategli questa email e ditegli di iscriversi alla newsletter. Per iscriversi basta cliccare qui e inserite il proprio indirizzo e-mail, riceverete una mail di conferma con un link da cliccare per completare l’iscrizione .

Scriveteci
Se avete domande, commenti o volete farci conoscere la storia che vi lega alle Cucine, scriveteci!
Basta rispondere a questa mail o scrivere all’indirizzo: info@civibo.it.

la redazione del
diario delle Cucine popolari
Demetrio Collina e Marta Fin