Diario delle Cucine popolari – pagina 10

 

Un’altra storia dedicata agli appuntamenti, dopo il grande successo della cena per Borgo Panigale. Un successo che in buona parte poggia sulle solide spalle delle Cucine popolari, Ancescao e le altre realtà del volontariato che hanno aderito all’iniziativa del Comune: Bologna abbraccia Borgo.


Ci è stato chiesto di collaborare a realizzare un iniziativa per Borgo Panigale e per tutta la Città, un evento che riunisse la comunità attorno alle vittime, ai soccorritori, ai sanitari e a tutte le persone coinvolte nell’incidente del 6 agosto scorso. Le Cucine popolari hanno risposto a modo loro, cucinando, e mettendo a tavola, insieme ad Ancesaco e alla Comunità islamica, e grazie alle donazioni di Coop, 900 persone più oltre 200 volontari.
Il risultato è stata una serata impeccabile e indimenticabile, che è riuscita a coinvolgere cittadini e autorità, forze dell’ordine, vigili del fuoco, sanitari, rappresentanti del mondo economico, politici, artisti e tantissime altre persone. Persone che hanno deciso di aiutare a preparare o a servire, o semplicemente di partecipare.
Era importante, dopo lo shock e la paura seguiti all’incidente del 6 agosto, reagire e ritrovarsi come comunità che mostra la capacità di essere solidale nel momento del bisogno, perché “dalle difficoltà non si esce mai soli ma insieme”.

Appuntamenti
Ci sono tre diversi appuntamenti che coinvolgono le Cucine, che vogliamo segnalarvi e che speriamo possano interessarvi:

– Questo fine settimana, dal 28 al 30, alla Bolognina, nel piazzale Bassani – Masina, si tiene il Bolognina festival, una manifestazione promossa dalle realtà del territorio in collaborazione con il Quartiere Navile. La Bolognina è il quartiere in cui siamo nati come Cucine, qui abbiamo stretto tanti legami e avviato tanti progetti, non potevamo mancare, infatti come Cucine popolari partecipiamo al festival con un nostro Stand.
A questo link il programma del Bolognina Festival.

– Lunedì prossimo, alle 19, alle Cucine del centro Saffi si tiene la presentazione del libro di Massimo Vaggi “Kinshasa, storia di un’adozione”a seguire una cena, a menù speciale, preparata da Ciro Ascione, grande amico delle Cucine, e chef della Trattoria Casa Mia.

Massimo Vaggi è presidente di NOVA, un’associazione che si occupa di adozioni internazionali, nel suo libro racconta il blocco delle adozioni messo in atto nel 2013 dal governo del Congo e le storie dei bambini e delle famiglie coinvolte. Alla presentazione parteciperanno Elisabetta Gualmini, vicepresidente della Regione Emilia-Romagna, e Giampiero Righisi, scrittore.

Ciro Ascione, oltre essere un ottimo chef e titolare della trattoria Casa mia di via Saragozza, è un amico e un volontario delle Cucine popolari. Ha trascorso parte delle vacanze estive con i figli a Lampedusa a cucinare per un campo lavoro di Amnesty International. Oltre a cucinare per un certo periodo al Battiferro, Ciro si è offerto come chef per organizzare cene a menù speciale per finanziare le Cucine.
Questo il menù della cena di lunedì. Antipasto: zuppa di funghi di stagione e chips di polenta fritta. Primo: tortelloni di zucca, mostarda e amaretto al ragù di prosciutto di Parma. Secondo: guancia di maiale brasata, al Lambrusco Grasparossa con patate ponte nuovo e cipolle in agrodolce. Dolce: fiordilatte all’amaretto.
Per prenotazioni: 335 7781663, oppure Sandrasoster@virgilio.it.

– Sabato 6 ottobre, ore 20, a Villa Paradiso, in via Emilia Levante 138, una serata musicale per ricordare Odette Righi, scrittrice, poetessa e staffetta partigiana, con il cantautore bolognese Fausto Carpani.

Villa Paradiso sarà presto la sede della quarta Cucina popolare, quella del quartiere Savena. In attesa dei lavori che dovranno rendere possibile l’apertura della cucina, il gruppo di volontari del Centro sociale e delle associazioni che vi fanno capo, tra cui Armonie e Auser, stanno organizzando una serie di iniziative per mantenere vivo il Centro e alta la partecipazione.

La prima di queste iniziative è dedicata a Odette Righi e vede la partecipazione di Fausto Carpani, cantante dialettale, grande amante di Bologna e della sua storia, oltre che amico di Odette.

Odette Righi fa parte della storia di Bologna, è una delle persone che con il loro impegno e la loro carattere hanno ispirato e fatto crescere la nostra comunità, dedicando una vita intera alla scuola, alla politica e alla società. Staffetta partigiana, insegnate, scrittrice e poetessa dialettale, attiva nel mondo del volontariato, dalle associazioni giovanili del Pratello, al movimento femminile, alle associazioni dialettali, è stata residente del quartiere Savena e ha lavorato da volontaria a Villa Paradiso, collaborando con Auser e Armonie a laboratori di scrittura creativa.

Cosa è successo 

abbiamo già parlato in apertura della cena per Borgo Panigale.
Il giorno prima partiva la collaborazione tra le Cucine popolari e l’associazione Andromeda, con la consegna Il 20 settembre del primo raccolto dell’orto biologico realizzato presso l’ospedale Maggiore dal progetto Seminare inclusione.
Si allarga così la rete della solidarietà bolognese: alle Cucine popolari andranno tutte le insalate, gli odori e gli ortaggi coltivati dai volontari dell’associazione Andromeda negli orti urbani realizzati presso i tre ospedali cittadini: Maggiore, Rizzoli e Sant’Orsola.

Come contribuire alle Cucine popolari

– potete diventare volontari. Scriveteci a bolognasocialfood@civibo.it, vi metteremo in contatto con i referenti dei volontari.
– potete fare una donazione. Questo è il nostro C/C: IBAN: IT39 C070 7202 4080 3100 0182 464, intestato a; Associazione Civibo. Andando sul nostro sito, www.civibo.it, in alto a sinistra, potete scegliere di fare una donazione periodica usando PayPal.
– potete organizzare presso le Cucine la festa o il pranzo sociale della vostra associazione o di un gruppo di amici, per la pensione, per un compleanno, ogni occasione è buona. Sarà anche un modo per far conoscere le Cucine.
– potete comperare il libro “Un ponte di colore”, i cui proventi vanno alle Cucine popolari. E’ disponibile anche online, a questo link.
– fai conoscere il diario delle Cucine popolari, inoltra questa mail a amici che possono essere interessati, per iscriversi alla newsletter è sufficiente cliccare qui e inserire l’indirizzo e-mail..

Iscrizioni al diario delle Cucine popolari
Se avete ricevuto questa mail per errore o comunque non volete più riceverla, potete cancellare l’iscrizione qui sotto cliccando unsubscribe.
Se invece volete far conoscere le Cucine agli amici e ai parenti, inoltrategli questa email e ditegli di iscriversi alla newsletter, basta cliccare qui e inserire l’indirizzo e-mail.

Scriveteci
Se avete domande, commenti o volete farci conoscere la storia che vi lega alle Cucine, scriveteci!
Basta rispondere a questa mail o scrivere a questo indirizzo: bolognasocialfood@civibo.it.

La redazione del
diario delle Cucine popolari

Demetrio Collina e Marta Fin